—————————————————-

“You better love loving and you better behave
you better love loving and you better behave
woman in chains, woman in chains

Calls her man the great white hope
says she’s fine, she’ll always cope, ooh
woman in chains, woman in chains

Well, I feel lying and waiting
is a poor man’s deal (a poor man’s deal)
and I feel hopelessly weighed down
by your eyes of steel
(your eyes of steel)
well, it’s a world gone crazy
keeps woman in chains
woman in chains, woman in chains

Trades her soul as skin and bones
(you better love loving and you better behave)
sells the only thing she owns
(you better love loving and you better behave)
woman in chains (the sun and the moon)
woman in chains

Men of stone, men of stone
hey baby, no no no

Well, I feel deep in your heart
there are wounds time can’t heal
(the time can’t heal)
and I feel somebody somewhere is trying to breathe
well, you know what I mean
it’s a world gone crazy keeps woman in chains

It’s under my skin but out of my hands
I’ll tear it apart (somebody somewhere is trying)
but I won’t understand (to breathe)
I will not accept the greatness of man
it’s a world gone crazy keeps woman in chains
gone crazy keeps woman in chains

So free her, so free her, so free her
so free her, so free her (the sun and the moon)
so free (the wind and the rain) her, so free her
so free her, so free her, so free her, so free her
so free her, so free her (the sun and the moon)
so free (the wind and the rain) her, so free her”.

—————————————————-

Tears For Fears, Woman in chains – 6:30
(Roland Orzabal)
Album: The seeds of love (1989)
Singolo: “Woman in chains / Always in the past” (1989)

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Citazioni.

Woman in Chains è una canzone del 1989 del gruppo musicale inglese Tears for Fears, secondo singolo estratto dall’album The Seeds of Love. Benché Woman in Chains non ebbe il successo che aveva ottenuto il precedente singolo Sowing the Seeds of Love, riuscì comunque ad entrare nella top 40 delle classifiche di diversi paesi come Regno Unito, Stati Uniti, Australia, Irlanda e Italia ed ottenere un piazzamento in top 20 in Francia e Paesi Bassi. La versione registrata in studio del brano figurava la partecipazione di Phil Collins alla batteria, ed i cori interpretati da Oleta Adams, che in seguito intraprenderà una carriera da solista.
Il singolo fu ripubblicato nel 1992 con un nuovo lato B, ed accreditata come Tears for Fears featuring Oleta Adams, per promuovere il greatest hits del gruppo Tears Roll Down (Greatest Hits 82-92). Il video prodotto per Woman in Chains, diretto da Andy Morahan e girato in bianco e nero, ruota intorno alla turbolenta relazione fra un uomo (un pugile) ed una donna (una ballerina di lap dance). A queste sequenze sono intervallate altre del gruppo e di Oleta Adams che interpretano il brano”.

(Wikipedia, voce Woman in Chains)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Francesco Komd
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-