—————————————————-

“Sai, la gente è strana
prima si odia e poi si ama
cambia idea improvvisamente
prima la verità poi mentirà lui
senza serietà, come fosse niente…

Sai la gente è matta
forse è troppo insoddisfatta
segue il mondo ciecamente
quando la moda cambia
lei pure cambia
continuamente e scioccamente…

Tu, tu che sei diverso
almeno tu nell’universo
un punto sei
che non ruota mai intorno a me
un sole che splende per me soltanto
come un diamante in mezzo al cuore.

Tu, tu che sei diverso
almeno tu nell’universo
non cambierai
dimmi che per sempre sarai sincero
e che mi amerai davvero di più, di più, di più…

Sai, la gente è sola
come può lei si consola
e non far sì che la mia mente
si perda in congetture, in paure
inutilmente e poi per niente…



Tu, tu che sei diverso
almeno tu nell’universo
un punto sei
che non ruota mai intorno a me
un sole che splende per me soltanto
come un diamante in mezzo al cuore.

Tu, tu che sei diverso
almeno tu nell’universo
non cambierai
dimmi che per sempre sarai sincero
e che mi amerai davvero di più, di più, di più…
non cambierai
dimmi che per sempre sarai sincero
e che mi amerai davvero, davvero di più…”.

—————————————————-

Mia Martini, Almeno tu nell’universo – 5:06
(Bruno Lauzi, Maurizio Fabrizio)
Album: Martini Mia (1989)
Singolo: “Almeno tu nell’universo / Spegni la testa” (1989)

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Citazioni.

Almeno tu nell’universo fu scritto da Bruno Lauzi e Maurizio Fabrizio nel 1972 (nella stessa settimana di Piccolo uomo). Depositato soltanto nel 1979, rimase inedito a lungo, in quanto Lauzi desiderava che a cantarlo per primo fosse proprio Mimì. Nel 1989, quando la ricerca del punto di riferimento era divenuta una tematica più sentita rispetto ai decenni precedenti, la canzone fu infine ripescata e incisa da Mia Martini, che la presentò al Festival di Sanremo di quell’anno, ottenendo il Premio della Critica e una gran quantità di apprezzamenti da parte del pubblico.
Il testo del brano, scritto da Lauzi, col pretesto di essere una lettera d’amore rivolta a un destinatario non specificato e per questo sconosciuto, mette a fuoco alcuni aspetti negativi della società contemporanea: principalmente l’incoerenza della gente, intesa come amorfa e indistinta massa di persone, ma anche la sua ipocrisia, il fatto di seguire «ciecamente» le mode, dalle quali si lascia «scioccamente» influenzare e comandare, e la mancanza di una scelta decisa tra amore o odio, e per questo non credibile e affidabile. Il soggetto parlante della canzone afferma che il destinatario è l’unica persona «nell’universo» ad essere diversa dalla gente (cioè migliore, ma proprio nel senso che peggio di così non può essere). Se si considera il destinatario come immaginario o inesistente, il testo del brano diventa una rassegnata e sconsolata osservazione della realtà. Ad onor del vero in alcune frasi del testo (“sai la gente è matta forse è troppo insoddisfatta”, “Sai, la gente è sola, come può lei si consola”) si cerca di azzardare anche la causa del comportamento delle persone e quindi la necessità di cercare una soluzione a questo smarrimento, sia avendo presenti altri valori come guida della propria vita, sia cercando di restare aderenti alla realtà e quindi confrontarsi con essa in modo molto sincero (“per non far sì che la mia mente si perda in congetture, in paure, inutilmente e poi per niente”).
La canzone segna il ritorno al successo della cantante Mia Martini dopo un lungo periodo di ostracismo da parte del mondo dello spettacolo. Inizialmente i dirigenti della Fonit Cetra proposero la canzone ad una allora sconosciuta Mietta, ma la cantante rifiutò, permettendo così il ritorno sulle scene della Martini, realizzatosi con il sostegno di Giovanni Sanjust e Lucio Salvini, discografici che l’avevano seguita sin dagli esordi. Il brano era stato proposto, nello stesso periodo, anche a Paola Turci. Grazie all’interessamento di Adriano Aragozzini, direttore artistico di quell’edizione del Festival, Mia Martini riuscì a partecipare alla manifestazione con questo brano. L’interpretazione valse alla cantante calabrese il premio della Critica ed un notevole successo di vendite, che pose fine al periodo più oscuro della sua carriera. Almeno tu nell’universo fu pubblicata come singolo in occasione del Festival insieme a Spegni la testa, e successivamente inclusa nell’album Martini Mia…. Nel 2007 il brano è stato scelto per la campagna pubblicitaria della Fiat Croma, risultando di conseguenza tra i titoli più scaricati nell’iTunes Store per molte settimane, assieme ad altre canzoni di Mia Martini (come Minuetto e Gli uomini non cambiano)”.

(Wikipedia, voce Almeno tu nell’universo)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Francesco Komd
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-