—————————————————-

“I am just a poor boy
though my story’s seldom told
I have squandered my resistance
for a pocketful of mumbles
such are promises
all lies and jest
still, a man hears what he wants to hear
and disregards the rest

When I left my home and my family
I was no more than a boy
in the company of strangers
in the quiet of a railway station
running scared
laying low, seeking out the poorer quarters
where the ragged people go
looking for the places only they would know

Lie la lie …

Asking only workman’s wages
I come looking for a job
but I get no offers
just a come-on
from the whores on Seventh Avenue
I do declare, there were times
when I was so lonesome
I took some comfort there

Lie la lie…

Then I’m laying out my winter clothes
and wishing I was gone, going home
where the New York City winters
aren’t bleeding me
leading me to going home

In the clearing stands a boxer
and a fighter by his trade
and he carries the reminders
of ev’ry glove that laid him down
or cut him till he cried out
in his anger and his shame
“I am leaving, I am leaving”
but the fighter still remains
still remains…

Lie la lie …”.

—————————————————-

Traduzione.

“Sono solo un povero ragazzo
la cui storia viene raccontata di rado
ho smesso di fare resistenza
per un pugno di sospiri
come le promesse
solo bugie e prese in giro
perché un uomo ascolta
solo quello che vuole sentire
e non gli importa del resto

Quando ho lasciato
la mia casa e la mia famiglia
ero poco più di un ragazzo
in compagnia di sconosciuti
nella quiete di una stazione ferroviaria
correndo spaventato
volando basso, cercando i quartieri più poveri
dove va la gente disagiata
cercando i luoghi che solo loro conoscono

(bugia, falsità…)

Chiedendo solo la paga di un lavoratore
sono andato in cerca di un lavoro
ma non ho ricevuto offerte
soltanto un “vieni da me”
dalle puttane della Settima Strada
lo ammetto, ci sono stati momenti
in cui mi sentivo così solo
da aver cercato conforto in loro

Sto riponendo i miei vestiti invernali
desiderando di andarmene, andarmene a casa
dove gli inverni di N.Y. City
non mi fanno sanguinare
e mi guidano verso casa

Nello spiazzo c’è un pugile
e un combattente di mestiere
e porta con sé i segni
di ciascun guantone
che l’ha buttato al tappeto
o ferito fino a farlo gridare
di rabbia e di vergogna
– Me ne sto andando, me ne sto andando –
ma il lottatore rimane ancora là”.

—————————————————-

The King’s Singers, The boxer – 4:01
(Paul Simon)
Album: Capella (1998)

Cover dell’omonimo brano di Simon and Garfunkel (1970).

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-