—————————————————-

“Well, I woke up Sunday morning
with no way to hold my head that didn’t hurt
and the beer I had for breakfast wasn’t bad
so I had one more for dessert
then I fumbled in my closet through my clothes
and found my cleanest dirty shirt
then I washed my face and combed my hair
and stumbled down the stairs to meet the day

I’d smoked my mind the night before
with cigarettes and songs I’d been picking
but I lit my first and watched a small kid
playing with a can that he was kicking
then I walked across the street
and caught the Sunday smell of someone’s frying chicken
and Lord, it took me back to something that I’d lost
somewhere, somehow along the way

On a Sunday morning sidewalk
I’m wishing, Lord, that I was stoned
‘cause there’s something in a Sunday
that makes a body feel alone
and there’s nothing short a’ dying
that’s half as lonesome as the sound
of the sleeping city sidewalk
and Sunday morning coming down

In the park I saw a daddy
with a laughing little girl that he was swinging
and I stopped beside a Sunday school
and listened to the songs they were singing
then I headed down the street
and somewhere far away a lonely bell was ringing
and it echoed through the canyons
like the disappearing dreams of yesterday

On a Sunday morning sidewalk
I’m wishing, Lord, that I was stoned
‘cause there’s something in a Sunday
that makes a body feel alone
and there’s nothing short a’ dying
that’s half as lonesome as the sound
of the sleeping city sidewalk
and Sunday morning coming down”.



—————————————————-

Traduzione.

“Mi sono alzato domenica mattina
e non c’era posizione in cui la testa non mi facesse male
la birra che mi sono fatto a colazione non era male
così me ne sono fatta un’altra come dessert
poi ho guardato nell’armadio per vestirmi
ed ho scelto la camicia sporca più pulita
mi sono rasato e pettinato
ed ho sceso le scale per andare incontro al giorno.

La sera prima mi ero fumato il cervello
mi ero scelto la musica e le sigarette
ma mi sono acceso la prima ed ho visto un ragazzino
imprecare contro una lattina prendendola a calci
poi ho attraversato la strada vuota
e mi è arrivato l’odore domenicale di pollo fritto
che mi ha portato indietro a qualcosa
che in qualche modo ho perso lungo il cammino.

Passeggio sul marciapiede di domenica mattina
col desiderio, o Signore, di stordirmi
perché c’è qualcosa nella domenica
che ti fa sentire solo
e non c’è niente tranne la morte
che dia neanche la metà del senso di solitudine
come il suono della domenica mattina
che incombe sui marciapiedi della città che dorme.

Ho visto un papà nel parco
spingeva sull’altalena una piccolina che rideva
e mi sono fermato davanti ad una scuola domenicale
ascoltando le canzoni che cantavano
poi ho fatto rotta verso casa
e da qualche parte, molto lontano
una campana rintoccava solitaria
ed echeggiava lungo i canyon
come i sogni di ieri che svaniscono

Passeggio sul marciapiede di domenica mattina
col desiderio, o Signore, di stordirmi
perché c’è qualcosa nella domenica
che ti fa sentire solo
e non c’è niente tranne la morte
che dia neanche la metà del senso di solitudine
come il suono della domenica mattina
che incombe sui marciapiedi della città che dorme”.

(Traduzione a cura di Marie Jolie)

—————————————————-

Johnny Cash, Sunday morning coming down – 4:04
(Kris Kristofferson)
Album: The Johnny Cash Show (1970)
Singolo: “Sunday morning coming down / I’m Gonna Try to Be That Way” (1970)

Cover di Sunday morning coming down di Kris Kistofferson (1970), originariamente interpretato da Ray Stevens (1969).

Brano inserito nella rassegna Eight days a week. Le canzoni dedicate ai giorni della settimana di InfinitiTesti.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Citazioni.

Sunday Mornin’ Comin’ Down è un brano musicale composto da Kris Kristofferson reso popolare nel 1969 da Ray Stevens prima di diventare un successo da primo posto in classifica nella versione di Johnny Cash nel 1970. Nell’interpretazione di Stevens la canzone raggiunse la 55ª posizione nella classifica di Billboard Hot Country Singles, e la numero 81 nella Billboard Hot 100 nel 1969. Inoltre fu inclusa dall’autore sul proprio album Kristofferson nel giugno 1970. Nel corso di un’intervista del 2013, Kristofferson disse che la canzone gli “aveva aperto un sacco di porte”: «Tante persone che ammiravo, ammiravano la canzone. In effetti, fu il brano che mi permise di smettere di lavorare per vivere».
Il successo maggiore la canzone lo riscosse nell’interpretazione di Johnny Cash, che la eseguì dal vivo al Ryman Auditorium durante la registrazione di una puntata del Johnny Cash Show del 1969. Il brano sarebbe stato incluso nell’album The Johnny Cash Show l’anno successivo, e pubblicato su singolo (Columbia Records 4-45211). La versione di Cash vinse il premio Country Music Association Award come “Canzone dell’anno” per il 1970 e raggiunse la vetta della classifica country statunitense. Secondo quanto riferito da Kristofferson, a Cash era stato chiesto di cambiare il verso: «I’m wishing Lord that I was stoned» (con il suo riferimento alla marijuana) per la performance televisiva, ma egli si rifiutò e cantò la canzone senza censure”.

(Wikipedia, voce Sunday Mornin’ Comin’ Down)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-