—————————————————-

“Sheets of empty canvas, untouched sheets of clay
Were laid spread out before me as her body once did
All five horizons revolved around her soul
As the earth to the sun
Now the air I tasted and breathed has taken a turn

Oh, and all I taught her was everything
Oh, I know she gave me all that she wore

And now my bitter hands chafe
Beneath the clouds of what was everything
Oh, the pictures have all been washed in black
Tattooed everything…

I take a walk outside, I’m surrounded by some kids at play
I can feel their laughter, so why do I sear?
Oh, and twisted thoughts that spin round my head, I’m spinning, oh
I’m spinning, how quick the sun can drop away

And now my bitter hands cradle broken glass
Of what was everything
All the pictures have all been washed in black
Tattooed everything…


All the love gone bad turned my world to black
Tattooed all I see, all that I am, all I’ll be, yeah…

I know someday you’ll have a beautiful life
I know you’ll be a star in somebody else’s sky
But why, why, why can’t it be, can’t it be mine?”.

—————————————————-

Pearl Jam, Black – 5:43
(Eddie Vedder, Stone Gossard)
Album: Ten (1991)

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa dei Pearl Jam.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Citazioni.

Black è un brano musicale tratto da Ten, album di debutto dei Pearl Jam. La canzone è il soliloquio di un uomo dal cuore spezzato che ricorda la sua amata perduta. Black è uno dei brani più noti del gruppo ed è un pezzo centrale ed emozionante dell’album. Come per “Rearviewmirror” tratto da Vs. e Better Man tratto da Vitalogy, il gruppo si è rifiutato di farne un singolo, ritenendo che fosse troppo personale e che le emozioni sarebbero andate perdute qualora se ne fosse fatto un video o un singolo. Nonostante questo, il brano ha raggiunto la posizione numero 3 della classifica di Billboard Mainstream Rock Tracks nel 1992. La canzone è inclusa nella raccolta Rearviewmirror: Greatest Hits 1991-2003.
Aaron Lewis degli Staind ha fatto una cover della canzone nel 2001 eseguita sia nel tour Break the Cycle sia nel Family Values Tour. Una esibizione live di Aaron Lewis è stata pubblicata nella raccolta Family Values Tour 2001. Anche gli Stone Sour hanno cantato questa canzone dal vivo nei loro primi anni di carriera, prima di raggiungere il successo, come si può sentire nel loro bootleg del 1996 Live at the Edge, Des Moines, IA. Chris Daughtry ha eseguito una cover acustica di questo brano nel suo tour 2006-2007 seguito all’album di debutto Daughtry. Bronson Arroyo ha registrato questa canzone per il suo album Covering the Bases“.

(Wikipedia, voce Black (Pearl Jam))

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-