—————————————————-

“Oh, hear this Robert Zimmerman
I wrote a song for you
About a strange young man
called Dylan
With a voice like sand and glue
His words of truthful vengeance
They could pin us to the floor
Brought a few more people on
And put the fear in a whole lot more

Ah, Here she comes
Here she comes
Here she comes again
The same old painted lady
From the brow of a superbrain
She’ll scratch this world to pieces
As she comes on like a friend
But a couple of songs
From your old scrapbook
Could send her home again

You gave your heart to every bedsit room
At least a picture on my wall
And you sat behind a million pair of eyes
And told them how they saw
Then we lost your train of thought
The paintings are all your own
While troubles are rising
We’d rather be scared
Together than alone

Ah, Here she comes
Here she comes
Here she comes again
The same old painted lady
From the brow of a superbrain
She’ll scratch this world to pieces
As she comes on like a friend
But a couple of songs
From your old scrapbook
Could send her home again

Now hear this Robert Zimmerman
Though I don’t suppose we’ll meet
Ask your good friend Dylan
If he’d gaze a while
down the old street
Tell him we’ve lost his poems
So they’re writing on the walls
Give us back our unity
Give us back our family
You’re every nation’s refugee
Don’t leave us with their sanity


Ah, Here she comes
Here she comes
Here she comes again
The same old painted lady
From the brow of a superbrain
She’ll scratch this world to pieces
As she comes on like a friend
But a couple of songs
From your old scrapbook
Could send her home again”.

—————————————————-

David Bowie, Song for Bob Dylan – 4:12
(David Bowie)
Album: Hunky Dory (1971)

Brano inserito nella rassegna Canzoni dedicate a personaggi storici (o solo famosi) di InfinitiTesti.

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa di David Bowie.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Citazioni.

Song for Bob Dylan è un brano musicale scritto dall’artista inglese David Bowie, nona traccia dell’album Hunky Dory del 1971. Quello che comincia come un omaggio al cantautore americano, e che a partire dal titolo e dall’incipit richiama Song to Woody che lo stesso Dylan dedicò nel 1962 al suo idolo Woody Guthrie («Hey hey Woody Guthrie, I wrote you a song»), diventa ben presto un’arringa piuttosto che un elogio. Il testo, indirizzato direttamente a Robert Zimmerman mette in luce la crescente preoccupazione di David per i livelli di identità e lascia intendere che sia il folk rocker radicale di un tempo a implorare Dylan a tornare alle radici del suo modo di comporre canzoni e a venire in soccorso di coloro che hanno perso la fede.
Sostenuto da una progressione armonica folk e da un ritornello guidato dal pianoforte di Rick Wakeman e dalla chitarra solista di Mick Ronson, Bowie sottolinea il ruolo di Dylan come voce di un’intera generazione e conferma la sensazione che la sua capacità di sollevare interrogativi sui valori politici e sociali fosse in declino, così come la sua direzione artistica. Va ricordato che solo due anni prima il giornalista di Rolling Stone Greil Marcus aveva scritto l’ormai famosa domanda «What is this shit?» («Cos’è questa merda?») dopo aver ascoltato per la prima volta Self Portrait. In un certo senso sembra anche che Bowie rivendichi il proprio diritto sul territorio di Dylan, come nel 1976 dichiarò su Melody Maker: «Song for Bob Dylan spiegava quello che volevo fare col rock. Era in quel periodo che dissi “Ok, se non vuoi farlo tu, lo faccio io”. Intravedevo un vuoto di leadership».
Il brano fu eseguito per la prima volta, col titolo provvisorio Song for Bob Dylan – Here She Comes, nella sessione BBC registrata il 3 giugno 1971 con la voce solista di George Underwood, ex compagno di scuola di Bowie e un tempo membro dei King Bees. Bowie dichiarò tra l’altro di averla scritta proprio per Underwood, che era un patito di Dylan. Dopo il Glastonbury Fayre del 23 giugno 1971 e il festival di Aylesbury del successivo 25 settembre venne eseguita in alcuni dei primi concerti dello Ziggy Stardust Tour 1972, prima di scomparire definitivamente dai concerti”.

(Wikipedia, voce Song for Bob Dylan)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-