—————————————————-

“Era stata una giornata tutta no
e una notte da buttarsi giù da un ponte
ero solo che più solo non si può
e un’idea mi scavava un tunnel nella fronte.

Nell’alba verde un sole in avaria
seguiva l’auto in corsa lungo un prato
fuori porta dopo i due cavalcavia vedo
il posto di cui mi avevano parlato!

Una villa in abbandono un cancello sgangherato
fermo l’auto, siamo in ballo, suono.

Bisogna avere del nervi d’acciaio
essere killer o sordi o dementi
bisogna avere vissuto a Dachau
per non crepare quando li senti…
Erano in mille schiumanti di rabbia
in un inferno di ferro e fetore
ognuno urlava incollato alla gabbia:
prendi me, no, prendi me, no prendi me, me, me

Quello là, nero, con tutto quel pelo, quanto costa?
– Stesso prezzo per tutti. 5000 più le tasse.
E’ maschio o femmina?
Maschio! Sono 5000 più le tasse.


Non lascia niente per gli orfanelli del canile?
– Tenga.
– Grazie da parte di tutti i nostri amici a quattro zampe!
Portate fuori il 4723!

Ed eccoci di fuori
in mezzo al vento sei sporco
e puzzi peggio di un forzato
ma ci hai negli occhi tanto cioccolato
che mi sento come un cretino
e son contento!

Alla prima curva mi metti una zampa sulla mano
sei già copilota, un giorno ti porto in aeroplano
sei un vero artista, se spingo sul clacson tu abbai
un pastore-pop ma chi l’avrebbe detto mai!

I tuoi boschi son fondali di cartone
negli alberghi e nei teatri detti legge
fai filare i macchinisti come un gregge
ma le meglio pipì le fai in televisione.

T’ho comprato una compagna un anno fa
la sopporti e le fai fare del bambini,
ma il tuo vero amore sono i miei calzini
questa sì che la chiamo alta fedeltà!

Tu che hai fame d’uno sguardo
e non osi chieder fuoco
vatti a prendere un bastardo
tiene caldo e costa poco!

Tu che hai fame d’uno sguardo
e non osi chieder fuoco
vatti a prendere un bastardo
tiene caldo e costa poco!…”.

—————————————————-

Herbert Pagani, Concerto per un cane – 6:37
(Beppe Moraschi)
Album: Palcoscenico (1976)
Singolo: “Palcoscenico / Concerto Per Un Cane” (1976)

Brano inserito nella rassegna Lo zoo di InfinitiTesti – Le canzoni dedicate agli animali.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-