The Allman Brothers Band – Whipping Post (testo e traduzione)

————————————————

Testo.

“I’ve been run down
I’ve been lied to
I don’t know why,
I let that mean woman make me a fool
She took all my money
Wrecks my new car
Now she’s with one of my good time buddies
They’re drinkin’ in some cross town bar

Sometimes I feel
Sometimes I feel
Like I’ve been tied
To the whipping post
Tied to the whipping post
Tied to the whipping post
Good Lord I feel like I’m dyin’

My friends tell me
That I’ve been such a fool
And I have to stand down and take it babe,
All for lovin’ you
I drown myself in sorrow
As I look at what you’ve done
Nothin’ seems to change
Bad times stay the same
And I can’t run

Sometimes I feel
Sometimes I feel
Like I’ve been tied
To the whipping post
Tied to the whipping post
Tied to the whipping post
Good lord I feel like I’m dyin’


Sometimes I feel
Sometimes I feel
Like I’ve been tied
To the whipping post
Tied to the whipping post
Tied to the whipping post
Good lord I feel like I’m dyin'”.

————————————————

Traduzione.

“Sono stato scaricato
sono stato ingannato
non so perché
ho lasciato che quella donna cattiva mi facesse fesso
ha preso tutti i miei soldi
distrugge la mia auto nuova
ora è con uno dei miei cari amici
stanno bevendo in qualche bar della città

A volte mi sento
a volte mi sento
come se fossi stato legato al palo della flagellazione (1)
legato al palo della flagellazione
legato al palo della flagellazione
buon Dio, mi sento come se stessi morendo

I miei amici mi dicono
che sono stato così idiota
a che devo fermarmi e prenderlo, babe
tutto per amarti
mi annego nel dolore
mentre guardo quello che hai fatto
i tempi bui rimangono gli stessi
e non posso correre

A volte mi sento
a volte mi sento
come se fossi stato legato al palo della flagellazione
legato al palo della flagellazione
legato al palo della flagellazione
buon Dio, mi sento come se stessi morendo

A volte mi sento
a volte mi sento
come se fossi stato legato al palo della flagellazione
legato al palo della flagellazione
legato al palo della flagellazione
buon Dio, mi sento come se stessi morendo”.

(Traduzione a cura di Arturo Bandini)

————————————————

The Allman Brothers Band, Whipping Post – 5:17
(Greg Allman)
Album: The Allman Brothers Band (1969)
Album: At Fillmore East (1971, live)

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo quality@infinititesti.com.

————————————————

Citazioni.

Whipping Post è una canzone della Allman Brothers Band. Scritta da Gregg Allman, la versione in studio di cinque minuti apparve per la prima volta nel loro album di debutto del 1969 The Allman Brothers Band. La canzone è stata regolarmente suonata dal vivo ed è stata la base per esibizioni molto più lunghe e intense. Nel doppio album live degli Allman Brothers del 1971 At Fillmore East, una versione di 23 minuti della canzone occupa l’intero lato finale. Fu questa incisione che fece guadagnare posti a “Whipping Post” sia nella lista Rock and Roll Hall of Fame’s 500 Songs that Shaped Rock and Roll sia nella lista di Rolling Stone delle “500 migliori canzoni di tutti i tempi”.

Gregg Allman aveva 21 anni quando la canzone fu registrata per la prima volta. La sua scrittura risale alla fine di marzo 1969, quando la Allman Brothers Band fu formata per la prima volta. Gregg non era riuscito a farsi un nome come musicista durante un periodo alla fine degli anni 1960 a Los Angeles, ed era sul punto di abbandonare del tutto la musica quando suo fratello Duane Allman chiamò e disse che la sua nuova band aveva bisogno di un cantante. Gregg mostrò alla band 22 canzoni che aveva scritto, ma solo “Dreams” e “It’s Not My Cross to Bear” furono ritenute utilizzabili. Gregg, l’unico compositore del gruppo all’epoca, fu incaricato di creare altre canzoni che si adattassero al contesto della nuova band, e nei cinque giorni successivi ne scrisse diverse, tra cui “Whipping Post“.

I travagli di Gregg nel mondo della musica avrebbero fornito l’ispirazione tematica per la nuova canzone, che fu scritta rapidamente sulla copertina di un asse da stiro: In seguito disse: “È arrivato così velocemente. Non ho nemmeno avuto la possibilità di tirare fuori il giornale. Questo è il modo in cui vengono le buone canzoni: ti colpiscono come una tonnellata di mattoni”.

Il testo della canzone blues rock è incentrato su un postmetaforico, una donna malvagia e un futile doloreesistenziale. Lo scrittore Jean-Charles Costa ha descritto la struttura musicale della versione in studio come una “solida struttura di [una] canzone che si presta a migliaia di possibilità in termini di espansione solista. … [È] in 12/8, costruendo una serie di stridule dichiarazioni di chitarra solista, e raggiungendo la piena forza nel coro supportato da una chitarra super dual-lead.” Il risultato è stato definito da Rolling Stone un “inno duraturo … pieno di tormentato immaginario blues-ballad”.

L’originale “Whipping Post” fu registrata per l’album The Allman Brothers Band il 7 agosto 1969 agli Atlantic Recording Studios di New York. Adrian Barber era il produttore, e la band ha trascorso l’intera sessione di un’intera giornata a far sì che la performance della canzone fosse di loro gradimento. L’album fu pubblicato il 4 novembre 1969, ma vendette poco, raggiungendo a malapena i gradini più bassi della classifica degli album degli Stati Uniti. “Whipping Post” è stata collocata per ultima nell’ordine di esecuzione dell’album, in quella che lo scrittore Randy Poe ha descritto come “la classica tradizione di lasciare l’ascoltatore che vuole di più”.

Nonostante la sua lunghezza, il live “Whipping Post” ha ricevuto un notevole airplay radiofonico di rock progressivo durante i primi anni 1970, specialmente a tarda notte o nei fine settimana. Forse anche a causa della sua lunghezza, poiché le canzoni particolarmente lunghe erano popolari come mezzo per consentire a un DJ di usare il bagno. Tale airplay portò “Whipping Post” a diventare una delle canzoni più familiari e popolari della band, e avrebbe contribuito a dare a At Fillmore East la sua reputazione di avere, come scrisse The Rolling Stone Record Guide nel 1979, “nessuna nota sprecata, nessuna jam inutile, nessuna voce realizzata a metà: tutto conta”, e di essere, come scrisse Rolling Stone nel 2002, “la migliore performance rock dal vivo mai impegnata su vinile”. VH1 disse che “Whipping Post” era “ciò per cui la band sarebbe diventata famosa, una scalata infinita di dramma crescente puntata dagli esorcismi a doppia chitarra di Duane e Dickey Betts e dalla risposta fredda, misurata, quasi jazz della sezione ritmica”.

La canzone ha anche acquisito un ruolo quasi leggendario nei primi concerti rock degli anni 1970, quando i membri del pubblico ai concerti di altri artisti urlavano semi-scherzosamente “Whipping Post!” come una richiesta tra i numeri, facendo eco al fan catturato su At Fillmore East. Jackson Browne prese nota di ciò che accadeva durante i suoi concerti dell’epoca. Un altro caso simile del 1974 a Helsinki colpì il chitarrista rock e compositore Frank Zappa, come descritto di seguito. Più tardi questo stesso “ruolo” yell-out-at-a-concert sarebbe stato assunto in misura molto maggiore da “Free Bird” dei Lynyrd Skynyrd, anche se la tradizione “Whipping Post” fece un ritorno successivo agli spettacoli indie rock.

Con l’avvento dei formati radiofonici rock orientati agli album negli anni 1980 e successivi, “Whipping Post” divenne meno visibile nella coscienza rock, ma dopo la riforma degli Allmans nel 1989 e il loro perenne tour ha mantenuto uno spazio regolare nella rotazione della scaletta dei concerti del gruppo. Hal Leonard Corporation pubblicò un libro di spartiti in più volumi del lavoro degli Allman Brothers nel 1995, e ci vollero 42 pagine per trascrivere tutti gli assoli di chitarra nella versione At Fillmore East della canzone. “Whipping Post” ha anche fatto impressione sugli scrittori ed è stato spesso citato in letteratura. Il romanzo di Ron Rash del 2006 The World Made Straight presenta un personaggio che ascolta la linea di basso di apertura della canzone a un volume così forte e chiuso che gli altoparlanti tremano. Learning to Live di Douglas Palermo del 2004 immagina futuri alieni che esplorano una Terra desolata e scoprono la registrazione di At Fillmore East; gli alieni lo studiano e alla fine soccombono a un’overdose di emozioni, il racconto di Tim McCleaf del 2004 For They Know Not What They Do usa la canzone come metafora della sofferenza, mentre il romanzo di Mary Kay Andrews Little Bitty Lies si riferisce alla canzone come un esempio di “blues bruciante per l’anima”. Nella saggistica, il lavoro di John C. Leggett e Suzanne Malm del 1995 The Eighteen Stages of Love usa “Whipping Post” come metafora di una relazione romantica in cui i partecipanti rimangono masochisticamente anche se è andata male. Nel contesto comico, la canzone è stata inserita nell’episodio della serie televisiva My Name Is Earl del 2008 “Joy in a Bubble“, in cui Joy si ammala e Earl deve svolgere tutti i suoi doveri regolari. La registrazione di Fillmore appare nel film del 2018 A Star is Born“.

(Wikipedia, voce Whipping Post (song))

————————————————

InfinitiTesti.com

Contatti
Artisti italiani
Artisti stranieri
Traduzioni
Discografie scelte
Rassegne e speciali

————————————————

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

————————————————

————————————————

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini (direttore@infinititesti.com)
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz (quality@infinititesti.com)
Segretaria di Redazione: Arianna Russo (segreteria@infinititesti.com)

————————————————

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *