Alberto Fortis – La sedia di lillà (testo)

———————————————— “Stava immobile nel letto con le gambe inesistenti e una piaga sulla bocca che seccava il suo sorriso mi parlava rassegnato con la lingua di chi spera di chi sa che è prenotato sulla sedia di lillà.