—————————————————- “Come profumi, che gonna che bella che sei, che gambe che passi sull’asfalto di Roma Serenella, in questo vento di mare, di pini nel nostro anno tra la guerra ed il Duemila.