“Trovava di pessimo gusto gli eccentrici culturisti dal fiato corto le bambole di porcellana adagiate sul letto tra pizzi e merletti