Claudio Lolli – Pagina di raccordo – Canzoni e testi

———————————————— ———————————————— Claudio Lolli (Bologna, 28 marzo 1950 – Bologna, 17 agosto 2018) è stato un cantautore, insegnante e scrittore italiano. È considerato uno fra i cantautori più impegnati. Oltre a temi politici, Lolli ha saputo trattare nell’arco di una trentina d’anni, incidendo una ventina di album, i più profondi temi dell’essere umano, quali la …

Claudio Lolli – Angoscia metropolitana (testo)

———————————————— “Dentro a un cielo nato grigio si infilzano le gru ricoperte dalle case le colline non si vedon più sulle antenne conficcate nella crosta della terra corron nuvole frustate come va un esercito alla guerra e la voce che mi esce si disperde tra le case sempre più lontana, se non la conosci è …

Claudio Lolli – Quelli come noi (testo)

———————————————— “Io e un mio amico delle volte ci troviamo e ci diciamo che quelli come noi che son venuti su un po’ strani e hanno avuto sempre poche donne per le mani e covano le loro solitudini in segreto quasi con gelosia lasciandosi un po’ andare solo davanti al vino forte di un bicchiere.

Claudio Lolli – Il tempo dell’illusione (testo)

———————————————— “Quando un padre riderà soddisfatto del tuo cranio di bambino e una madre piangerà sul mistero della sua maternità e la calda intimità col nulla ormai sarà finita sarà giunto anche per te il tempo della vita sarà giunto anche per te il tempo della vita.

Claudio Lolli – La guerra è finita (testo)

———————————————— “Si porta in tavola una torta di mele con su piantate venti candele e lo spumante dell’anno scorso tenuto in frigo, rimasto lì.

Claudio Lolli – Ho visto anche degli zingari felici (conclusione) (testo)

———————————————— “Siamo noi a far ricca la terra noi che sopportiamo la malattia del sonno e la malaria noi mandiamo al raccolto cotone, riso e grano noi piantiamo il mais su tutto l’altopiano.

Claudio Lolli – Ho visto anche degli zingari felici (introduzione) (testo)

———————————————— “E’ vero che dalle finestre non riusciamo a vedere la luce perché la notte vince sempre sul giorno e la notte sangue non ne produce è vero che la nostra aria diventa sempre più ragazzina e si fa correre dietro lungo le strade senza uscita è vero che non riusciamo a parlare e che …

Claudio Lolli – La socialdemocrazia (testo)

———————————————— “Il nemico marcia sempre alla tua testa ma la testa del nemico dove è che marcia alla tua testa ma la testa del nemico dove è che marcia alla tua testa.

Claudio Lolli – Michel (testo)

———————————————— “Ti ricordi, Michel dei nostri pantaloni corti delle tue gambe lunghe magre e forti e della rabbia che mi davano correndo tutti i giorni un po’ più svelte delle mie.

Claudio Lolli – Quanto amore (testo)

———————————————— “Quanto amore, quanto amore che ho cercato quante ore, quante ore che ho passato accanto a un termosifone per avere un poco di calore quanto amore, quanto amore che ho cercato quanti oggetti, quanti oggetti che ho rubato mentre nessuno vedeva mentre nessuno mi guardava.

Claudio Lolli – Quello che mi resta (testo)

———————————————— “Quello che mi resta dei tuoi giorni sono queste note tristi che si inseguono nell’aria e disegnano il tuo viso Quello che mi resta dei tuoi giorni è quell’ultimo sorriso regalato un momento prima di andare via quello che mi resta dei tuoi giorni è solo la malinconia

Claudio Lolli – Quando la morte avrà (testo)

———————————————— “Quando la morte avrà addolcito un po’ il tuo viso che tante volte già mi aveva intimorito e tu mi chiederai un ultimo sorriso un gesto di pietà che avrai non meritato.

Claudio Lolli – I giornali di marzo (testo)

———————————————— “I giornali di marzo i giornali di marzo hanno spiegato i giornali di marzo i giornali di marzo hanno raccontato che quello di ritrovare un accordo un colloquio è sfuggito per miracolo al linciaggio

Claudio Lolli – Quello lì (compagno Gramsci) (testo)

———————————————— “Il giorno che arrivò in città fresco dalla Sardegna per fare l’università c’aveva già lui la faccia di chi c’insegna aveva già la sua strana testa grossa e l’aria di uno che ha freddo fin nelle ossa Io lo sapevo quello lì me lo sentivo quello lì che non sarebbe andato avanti molto

Claudio Lolli – Tien An Men (testo)

———————————————— “E queste rose volano non sanno nulla della rivolta in cui si sono aperte del sangue invaso di bandiere che oggi ancora si apriranno

Claudio Lolli – Albana per Togliatti (testo)

———————————————— “C’è un compagno, altra generazione che vuol bene ai matti gira con un fazzoletto rosso e una foto di Togliatti che alza sulla testa che alza verso il cielo.

Claudio Lolli – Agosto (testo)

———————————————— “Agosto, improvviso si sente un odore di brace qualcosa che brucia nel sangue e non ti lascia in pace un pugno di rabbia che ha il suono tremendo di un vecchio boato qualcosa che crolla, che esplode qualcosa che urla un treno è saltato.

Claudio Lolli – Io ti racconto (testo)

———————————————— “Io ti racconto lo squallore di una vita vissuta a ore di gente che non sa più far l’amore ti dico la malinconia di vivere in periferia del tempo grigio che ci porta via.

Claudio Lolli – Un uomo in crisi (testo)

———————————————— “Hai notato come sono rari e fievoli i sorrisi sulla bocca stralunata di un uomo in crisi come guarda sempre in basso come cerca protezione come evita a ogni passo di attirare l’attenzione sui suoi occhi stanchi e bui senza più salde certezze come cerca con le mani sempre nuove sicurezze.

Claudio Lolli – Discografia completa – Canzoni e testi

———————————————— ———————————————— Album in studio. Aspettando Godot (1972) 1. Aspettando Godot (testo) 2. Borghesia (testo) 3. Michel (testo) 4. L’isola verde (testo) 5. Il tempo dell’illusione (testo) 6. Quelli come noi (testo) 7. Angoscia metropolitana (testo) 8. Quello che mi resta (testo) 9. Quanto amore (testo) 10. Quando la morte avrà (testo)