Roberto Vecchioni (feat. Francesco Guccini) – Ti insegnerò a volare (Alex) (testo)

———————————————— “La stanza ad Indianapolis è buia ma ricordo ricordo il tuono e il pubblico e un universo sordo poi che mi vien da ridere e faccio per alzarmi che oggi devo correre e sto facendo tardi poi che mi guardo e vedo ma ci son le stelle fuori e un mare di colori

Francesco Guccini – Pagina di raccordo – Canzoni e testi

———————————————— ———————————————— Francesco Guccini (Modena, 14 giugno 1940) è un cantautore, scrittore e attore italiano. Fra i più rappresentativi e popolari cantautori italiani, il suo debutto ufficiale risale al 1967 con l’LP Folk beat n. 1 (ma già nel 1959 aveva scritto le prime canzoni rock ‘n’ roll); in una carriera ultraquarantennale ha pubblicato oltre …

Modena City Ramblers (feat. Francesco Guccini) – Auschwitz (testo)

———————————————— “Son morto con altri cento son morto ch’ero bambino passato per il camino e adesso sono nel vento.

Francesco Guccini – Canzone di notte n. 2 (testo)

———————————————— “E un’altra volta è notte e suono non so nemmeno io per che motivo forse perché son vivo e voglio in questo modo dire “sono” o forse perché è un modo pure questo per non andare a letto o forse perché ancora c’è da bere e mi riempio il bicchiere

Francesco Guccini – Amerigo (testo)

———————————————— “Probabilmente uscì chiudendo dietro a se la porta verde qualcuno si era alzato a preparargli in fretta un caffè d’orzo non so se si girò, non era il tipo d’uomo che si perde in nostalgie da ricchi, e andò per la sua strada senza sforzo.

Francesco Guccini – 100, Pennsylvania Ave. (testo)

———————————————— “La strada dalla Pennsylvania Station sembrava attraversasse il continente come se non tornasse più all’indietro ma andasse sempre avanti ad occidente fra tombe in ferro-vetro pianura, pali e gente.

Francesco Guccini – Gli amici (testo)

———————————————— “I miei amici veri, purtroppo o per fortuna non sono vagabondi o abbaialuna per fortuna o purtroppo ci tengono alla faccia quasi nessuno batte o fa il magnaccia.

Francesco Guccini – Il matto (testo)

———————————————— “Mi dicevano il matto perché prendevo la vita da giullare, da pazzo con un’allegria infinita d’altra parte è assai meglio dentro questa tragedia ridersi addosso, non piangere e voltarla in commedia.

Francesco Guccini – La tua libertà (testo)

———————————————— “Oltre le mura della città un orizzonte insegue un orizzonte a un’autostrada, un’altra seguirà gli spazi sono fatti per andare la tua libertà se vuoi, la puoi trovare.

Francesco Guccini – Acque (testo)

———————————————— “L’acqua che passa fra il fango di certi canali tra ratti sapienti e pneumatici e ruggine e vetri chissà se è la stessa lucente di sole o fanali che guardo oleosa passare rinchiusa in tre metri.

Francesco Guccini – Al trist (testo)

———————————————— “A m sun desdèe stamatèina l’è premavéra ma a l pióv a m sun desdèe stamatèina l’é premavéira ma a I pióv a n pos purtèret fòra anch sl’lè dmanga perché a n gh’ò ménga al vsti nòv

Francesco Guccini – Il frate (testo)

———————————————— “Lo chiamavano il frate il nome di tutta una vita segno di una fede perduta di una vocazione finita lo vedevi arrivare vestito di stracci e stranezza mentre la malizia dei bimbi rideva della sua saggezza

Francesco Guccini – Un altro giorno è andato (testo)

———————————————— “E un altro giorno è andato, la sua musica ha finito quanto tempo è ormai passato e passerà? Le orchestre di motori ne accompagnano i sospiri l’oggi dove è andato l’ieri se ne andrà.

Francesco Guccini – Canzone della bambina portoghese (testo)

———————————————— “E poi e poi, gente viene qui e ti dice di sapere già ogni legge delle cose e tutti, sai, vantano un orgoglio cieco di verità fatte di formule vuote e tutti, sai, ti san dire come fare quali leggi rispettare, quali regole osservare qual è il vero vero e poi, e poi, tutti …

Francesco Guccini – Canzone della vita quotidiana (testo)

———————————————— “Inizia presto all’alba o tardi al pomeriggio ma in questo non c’è alcuna differenza le ore che hai davanti son le stesse, son tante stesso coraggio chiede l’esistenza

Francesco Guccini – L’albero ed io (testo)

———————————————— “Quando il mio ultimo giorno verrà dopo il mio ultimo sguardo sul mondo non voglio pietra su questo mio corpo perché pesante mi sembrerà.

Francesco Guccini – Lui e lei (testo)

———————————————— “Lui e lei s’incontrano nel giorno mentre la città d’attorno sembra nuova lui e lei riscoprono le cose che credevano perdute nella noia.

Francesco Guccini – Il 3 Dicembre del ’39 (testo)

———————————————— “Il tre dicembre del Trentanove a stare al mondo volli provar mio padre uomo ligio al partito nome Benito mi volle dar

Francesco Guccini – L’ubriaco (testo)

———————————————— “Appoggiato sulle braccia dietro al vetro d’un bicchiere alza appena un po’ la faccia e domanda ancor da bere