—————————————————- “A quel tempo tu stavi sicura di te, della tua logica guidando e parlando ininterrottamente ed io, che già non ti ascoltavo più (come ipnotizzato) seguivo gli occhi che seguivano i colori i raggi elettrici della città.