“E guardo il mondo da un oblò, mi annoio un po’ passo le notti a camminare dentro a un metrò sembro uscito da un romanzo giallo ma cambierò, si cambierò