Giorgio Gaber – La pallida morte (testo)

———————————————— “Tu ricchissimo Sestio renditi conto che breve è la vita e che non potrai conservare ancora per molto la tua ricchezza