Ivan Graziani – Signora bionda dei ciliegi (testo)

———————————————— “Come va, sei ancora addormentata città da sempre amata perduta e mai riconquistata e il ricordo è così lontano di un bicchiere di spuma freddo nella mano la villa è lì davanti a me in quest’alba d’estate prigioniera dentro la sua rete.