“Qui appoggiato sul gomito un telefono spreca silenzi e li appende alle pareti come litografie una sporgenza di bivacco si affaccia al balcone senza idee ed eccetto la ringhiera tutto precipita in basso