“Lentamente scivola la tua mano su di te quel tanto che basta per trasformare ogni carezza in un gemito ti guardo accaldata contorcerti tra le lenzuola umide golosa ed implacabile forza fammi male finché vuoi lo sai