“Tu che dormivi piano quasi non ti sentivo ed allungavo la mano tra le lenzuola il tuo viso